La nebbia agli irti colli

La nebbia agli irti colli – San Martino Carducci è una celebre poesia di Giosuè Carducci. Fa parte della raccolta Rime nuove del 1887, che raccoglie liriche scritte dal 1861 al 1887. «L’autografo reca il titolo Autunno e in calce la data “8 decembre 1883: finito ore 3 pomeridiane”».La poesia, con il titolo San Martino (in maremma pisana), fu pubblicata per la prima volta nel supplemento Natale e capo d’anno dell’«Illustrazione Italiana» del dicembre 1883. È inserita nel volume dell’edizione nazionale delle Opere.

San Martino Poesia

Due liriche di Ippolito Nievo, composte nello stesso metro di quella del Carducci e pubblicate venticinque anni prima nel 1858, contengono alcune parole e immagini (pensier, rosseggiar, vespro, mar, nebbie, colli, sàle) presenti anche in San Martino. Ciò ha indotto un critico ad avanzare l’ipotesi che Carducci, che aveva viaggiato in Toscana dal 17 al 26 settembre 1883 diretto a Roma e che era tornato a Bologna alla fine di ottobre, si sia ispirato proprio alle poesie di Nievo, trasfigurandole secondo la sua sensibilità. Il titolo fa riferimento alla data dell’11 novembre (San Martino), giorno in cui, tradizionalmente, in Italia si «celebra la maturazione del vino nuovo» (donde la locuzione proverbiale: “San Martino, ogni mosto diventa vino”).

Parafrasi San Martino

La nebbia, dissolvendosi e lasciando il posto ad una leggera pioggerella, risale per le colline rese ispide dalle piante ormai prive di foglie e, spinto dal freddo vento di maestrale, il mare rumoreggia frangendosi sulla scogliera con imponenti onde bianche di spuma. Per le vie del paesello si propaga dai tini, dove fermenta il mosto, l’odore aspro del vino nuovo che allieta l’umore dei paesani. Nel frattempo sui ceppi che bruciano nel focolare scoppietta il grasso che cola dallo spiedo, e il cacciatore, fischiettando, se ne sta sull’uscio a guardare stormi di uccelli che, in contrasto con le nubi rosseggianti per l’imbrunire, appaiono neri come cupi pensieri che volano via nella quiete del tramonto. (Wikipedia)

Fiorello San Martino

La nebbia agli irti colli Fiorello, San Martino Fiorello, nebbia pascoli

Poesia San Martino

San Martino Poesia, San Martino Carducci, La nebbia agli irti colli testo

La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar.

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
su l’uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

Ascolta anche  Lamù

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.