Max Gazzè La vita com’è

Max Gazzè La vita com’è è un singolo del cantante italiano Max Gazzè, pubblicato il 18 settembre 2015 come primo estratto dal nono album in studio Maximilian.

Max Gazzè

Il videoclip, diretto da Jacopo Rondinelli, è stato pubblicato il 18 settembre 2015 attraverso il canale YouTube del cantante. Il protagonista del videoclip (interpretato da Valerio Zuccolo) vaga per Catania danzando, sempre accompagnato dalla foto del suo vecchio amore, intento a sedurre giovani donne al solo scopo di derubarle. Al contempo, si vede Max Gazzè cantare la canzone, dedicata alla spensieratezza. (Wikipedia)

La vita com’è Max Gazzè

La vita com’è testo

max gazzè la vita com’è testo, testo la vita com’è

Se fossi qui dipenderei dalle tue tenerezze
Dette sul collo a bassa voce ma lo sai
L’amore porta guai, si perde quasi sempre c’è gente
Che facile non si riprede più
Ma tu, guarda me, prendo tutta la vita com’è
Non la faccio finita ma incrocio le dita e mi bevo un caffè
Ammazzo il tempo provando con l’auto meditazione, canto un po’
Nella testa (uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh)
E mi rimetto ripulendo il mio salotto
Dal terribile ricordo che resta di te
Se fossi qui mi lascerei tentare dalle tue carezze
Però ringrazio Dio che non ci sei
L’amore fa per noi ma separatamente
C’è gente che come me non si riprende mai, lo sai
Guarda te, questo straccio di vita cos’è
Non la faccio finita soltanto perché è pronto un altro caffè
Ammazzo il tempo provando con l’auto meditazione, canto un po’
Nella testa (uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh)
E mi rilasso finché non avrò più addosso quel terribile
Ricordo rimasto di te
Indifferente che mente c’è l’eco di quelle malelingue che
Mi han detto (uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh)
Ci sono cose su di lei che è meglio non sapere mai
Sai che ricordo mi resta di noi
(uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh)
E mi rimetto ripulendo il mio salotto dal terribile
Ricordo che resta di te
Guarda me
Prendo tutta la vita com’è
Non la faccio finita ma incrocio le dita e mi bevo un caffè
Ammazzo il tempo provando con l’auto meditazione, canto un po’
Nella testa (uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh)
E mi rilasso finché non avrò più addosso quel terribile
Ricordo rimasto di te
Indifferente che mente c’è l’eco di quelle malelingue che
Mi han detto (uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh uh)
Ci sono cose su di lei che è meglio non sapere mai
Sai che ricordo mi resta di noi
Ma ci son cose su di me che forse non ci crederai
Sai che ricordo ti resta di noi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.