O sole mio

‘O Sole mio è una canzone in lingua napoletana pubblicata nel 1898 e conosciuta in tutto il mondo. È stata incisa da cantanti di varie lingue.

Storia del brano

Giovanni Capurro, giornalista e redattore delle pagine culturali del quotidiano Roma di Napoli, nel 1898 scrisse i versi della canzone affidandone la composizione musicale a Eduardo Di Capua. In quel tempo Di Capua si trovava a Odessa, in Ucraina, con suo padre, violinista in un’orchestra. La musica sembra sia stata ispirata da una splendida alba sul mar Nero e, soprattutto, dalla nobil donna oleggese Anna Maria Vignati-Mazza detta “Nina”, sposa del Senatore Giorgio Arcoleo e vincitrice a Napoli del primo concorso di bellezza della città partenopea; il brano venne poi presentato a Napoli ad un concorso musicale promosso dalla Casa Editrice Ferdinando Bideri ma senza ottenere grande successo ed arrivando secondo, ma in seguito si diffuse sempre più – anche fuori dall’Italia – fino a diventare un vero e proprio patrimonio della musica mondiale.

‘O Sole mio è una delle canzoni più famose di tutti i tempi, ma non fruttò molto ai suoi due autori, Capurro e Di Capua, che morirono in povertà, rispettivamente nel 1920 e nel 1917. La casa di edizioni musicali Bideri continua a percepire le royalty del pezzo, che – nonostante sia passato più di un secolo dalla registrazione – non è ancora divenuto di pubblico dominio. Infatti, nell’ottobre 2002, il Tribunale di Torino ha riconosciuto Alfredo Mazzucchi, deceduto nel 1972, come coautore della melodia, di conseguenza il brano rimarrà sotto copyright fino al 2042. (Wikipedia)

Ascolta anche  La bella tartaruga

Il Volo O sole mio

O sole mio Il Volo

O sole mio Testo

Che bella cosa na jurnata ‘e sole,
N’aria serena doppo na tempesta!
Pe’ ll’aria fresca pare gia’ na festa…
Che bella cosa na jurnata ‘e sole.
Ma n’atu sole
Cchiu’ bello, oi ne’.
‘O sole  mio
Sta ‘nfronte a te!
‘O sole, ‘o sole  mio
Sta ‘nfronte a te!
Sta ‘nfronte a te!
Quanno fa notte e ‘o sole
Se ne scenne,
Me vene quase ‘na malincunia;
Sotto ‘a fenesta toia restarria
Quanno fa notte e ‘o sole
Se ne scenne.
Ma n’atu sole
Cchiu’ bello, oi ne’.
‘O sole  mio
Sta ‘nfronte a te!
‘O sole, ‘o sole  mio
Sta ‘nfronte a te!
Sta ‘nfronte a te!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.